mercoledì 16 dicembre 2015

Sensazioni



Il senso di smarrimento durante la fatica della corsa non è equiparabile a nessun altro sport. 
Nel nuoto ci sono picchi altissimi, ma di breve durata, momenti dove il cuore sembra scoppiare nel petto, poi il blocchetto è lì... a salvarti la vita. 
Nel ciclismo avviene il contrario, la fatica dura moltissimo, ma l'intensità è raramente insopportabile, salvo tratti di salita "brutali". La stranezza sulla bici è la crisi ciclica (il termine è azzeccatissimo) che ti aspetta dietro l'angolo, come un rapinatore... quando meno te l'aspetti.
La corsa in certi casi è vero dolore, il giusto connubio tra nuoto e bici, intensità altissime per un tempo a volte interminabile.


2 commenti:

Licenza Creative Commons
runisnow è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.