venerdì 6 marzo 2015

Asics Gel Nimbus 17


Ieri sono andato da Decathlon. Con il mio bel cestino blu ho percorso su e giù gli scaffali di questo megastore dello sport. Tanti prodotti interessanti e tanti prodotti da urlo... nel vero senso della parola. La sensazione che il Dec sia più adatto ai neofiti di ogni disciplina, piuttosto che a persone, che nei vari sport, acquisiscano una certa esperienza e consapevolezza. Farci un giro rimane un punto fermo nella trattativa commerciale tra coniugi che si recano in uno di questi mega centri commerciali.... io vado da "decathlon", tu vai da "tezenis".
Reparto "ciclismo"... reparto "nuoto" e infine reparto "running". Mi faccio qualche vasca nella corsia, tra magliette di colori improponibili e bambini festanti che scorazzano urlanti. A un certo punto.... a un punto certo.... i miei occhi cadono su qualcosa di a me sconosciuto. 
Un paio di scarpe Asics targate Nimbus. Esatto!!! Nimbus!
Già il fatto che accanto non abbiano il numero seriale (in questo caso il 17), mi fanno storcere il naso, ma la cosa più triste è stata di avere quella sensazione di avere tra le mani un prodotto contraffatto. Come una 
brutta copia cinese di un prodotto originale e inimitabile. Invece no!! Erano proprio la nuova versione del top gamma di casa Asics.
Decido di provarle e devo ammettere che il confort di questo gioiello da corsa rimane immutato se non altamente migliorato. E' dai tempi di Nimbus 13 che non sentivo quell'effetto "cuscino" ai piedi. Ma il fattore estetico!?!? Perché il fattore estetico conta! Insomma a me non sono davvero piaciute. Tomaia rivista in modo radicale con una "maglia" molto più stretta, avvolta da una cornice in rete di materiale simil plastico. Il logo Asics sembra stampato in malo modo e prondo a cadere alle prime difficoltà. Probabilmente queste modifiche radicali, hanno permesso di snellire queste scarpe, togliendo circa 40 gr., ma la domanda che mi pongo è.... ha senso tutto questo?? 
Secondo me no! Chi sceglie Nimbus, sceglie un prodotto solido, la certezza assoluta di protezione e confort in barba alla velocità e al peso. Chi corre veloce indossa un A1, massimo un A2, non sceglie certo tra la gamma A3. Non avrebbe senso. In attesa di leggere qualche recensione su chi le testerà sul campo, ma sono certo che saranno eccezionali da questo punto di vista, mi rimane in testa un'ultima domanda..... ma chi diavolo decide le colorazioni dei prodotti in casa Asics?!?

2 commenti:

  1. Mmm... A vederle qui non entusiasmano anche me. La questione è che da quando le ho provate non riesco più a fare a meno proprio di quel magnifico effetto cuscino (io lo chiamo effetto pantofola), e soprattutto visto che il passaggio alla Nimbus ha coinciso con la risoluzione dei miei problemi al ginocchio-bada bene, non è la causa, ma la coincidenza ti fa legare comunque le cose- ho un po' paura di passare a scarpe più veloci e leggere anche se adesso magari mi farebbero comodo...

    RispondiElimina
  2. E infatti... Al cambio gomme mi sono ripresa le 16, che tra l'altro con l'uscita delle 17 erano pure in sconto

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
runisnow è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.